La Bolivia è turismo

La Bolivia è turismo, business, cultura, Avventura, Religión, eventi. Publicidad gratis para empresas de turismo, Hotel, ristoranti, trasporto, tiendas y mucho más.

ciboPace

Chairo paceño – Pace

Consigli

[titolo del tabby =”Descrizione” aprire =”Sì”]

Chairo paceño – Pace

Tre importanti asserzioni riguardanti il CHAIRO PACEÑO danno origine a questo lavoro di ricerca, presentando il certificato di origine e cittadinanza scheda indiscutibile. Un contributo per il historiacion della cucina latino-americana.

1. Il CHAIRO è una zuppa mista che inizia il suo percorso nella storia della gastronomia CHARQUENSE (il territorio ora chiamato Bolivia) nel XVIII secolo, periodo di molti cambiamenti - fu l'espulsione dei Gesuiti nel 1767 e la Fondazione del vicereame della Plata, in 1776, Entrò a far parte degli stagni.

2. E ' più probabile che durante questo tempo e in occasione del primo e il secondo assedio della città della Paz, il CHAIRO , avete fatto il vostro carta di cittadinanza in questa amata città, sicuramente a casa sotto forma di "succhiare" o "uchu" , per poi assumere la sua forma finale.

3. Il CHAIRO, è la bandiera della città della Paz, prodotto della fusione cultura - cucina dei due popoli, L'AYMARA e spagnolo; rappresenta la fusione di 516 anni e il suo risultato corrente, Significa che l'evoluzione della gastronomia di meticcio di questo territorio,oggi chiamata "cucina tradizionale boliviano".

Cercare l'origine del Chairo, È a guardare la composizione degli ingredienti, loro tecniche culinarie e le tendenze nei gusti di ogni stagione del nostro territorio.

Facendo una revisione dettagliata dei suoi ingredienti, È possibile verificare che almeno 10 della 13 prodotti che la compongono, Essi sono elementi di generi alimentari che gli spagnoli hanno portati in America. Se si stima che gli spagnoli arrivarono a corrente boliviano altiplano, durante l'anno 1532, Sicuramente ci sono voluti per Acclimate i prodotti che ha portato, insegnare il loro uso e prendere l'abitudine di consumo. Questo periodo di fusione sarebbe durato pochi 100 anni e sono già nel XVII secolo (1600).

Il cronista per che Cobo scrive 1653, che "metà del XVII secolo, il consumo di mais, grano, fagioli,orzo,Cipolla, prezzemolo, coriandolo, cumino, anice e altri legumi, verdure e condimenti, Era diffuso in tutto il territorio del vicereame. Aglio, meloni ed erba buona erano, tra tutte le piante che sono state portate, quelli di maggiore consumo tra gli indiani".

Nel secolo di mid-17TH - scrive il ricercatore Rosario Olivas Weston- "Il pasto dei lavoratori era solitamente un grande"pentola"in cui abbondanti più la carne piuttosto che verdure".
Scrive anche:"Aveva un sacco di pecore in punas delle province di el Collao e las pampas e la carne era molto economico".

Si presume che con questo sfondo, l'Aymara e Quechua conquistato, hanno mangiato in particolare carne di pecora in "chalona" che venivano cotti in brodo accompagnato da carni fresche e gli altri ingredienti che potrebbero mettere vostro fornello lento (Come già ci permette di riguardare il cronista COBO, Questi altri ingredienti sono per lo più verdure provenienti da Spagna e acclimatati nelle Highlands), non meno pretendono di copiare per niente senza prescrizione europea. Quello che succede è che il modo più semplice per cucinare da vecchi tempi (Dal momento che il fuoco e cucina - le tecniche del mondo) mettere gli ingredienti in una pentola bollente, senza un'attenta, conduce in qualche modo ad alcuni più o meno lieto fine. Così è stato inventato anche tranquillamente la stessa "pentola spagnola".

Per 1776 (XVIII secolo), di riferimento nel libro di cucina scritto da Doña Josefa Escurrechea , circa il cibo che si mangia a Potosi, Si può vedere che lo spagnolo Olla, È attraversato secondo i seguenti ingredienti: Cassa della mucca - RAM - prosciutto - Bacon - capones o posa coriandolo grasso - ceci - aglio - Yerba buena - - cavolo - Yucca - patate dolci Pere - banane - rape - mele cotogne- – Zucche- patate - oche - chuño - salsicce salsicce - salsiccia - allo - zafferano - chiodo prezzemolo pepe - cannella - - senape- – AJI . Si può vedere che il poseriormente sottolineato prodotti sarà essenziale per il futuro CHAIRO, e bollire un numero di prodotti allo stesso tempo è lo stesso utilizzato da Aymara e Quechua nello sviluppo corrispondente del loro "stufati".

Probabilmente se continuiamo su questa strada, È facile presumere che indigene donne che erano in servizio domestico, stavano facendo i propri adattamenti, il concetto europeo di "pot" e "succhiare" Aymara di miscelazione, utilizzare come base per addensare questi vini, il Papa in diverse variabili e il chalona delle pecore come aromatizzante chiave, quasi come un tributo alle "pecore" che ha il cappotto delle armi della Paz, concesso da Carlo V nel 1555 (Abbiamo già avuto 221 anni di meticciato culinario).

In 1781, TÚPAC CATARI assediò la città della Paz in due occasioni, semina la fame e distruzione tra gli spagnoli che hanno vissuto. La città è stata liberata da Ignacio Flores e il suo esercito. Dicono che gli indiani vedere lui non ottenere offerto alcuna resistenza e si è ritirato senza qualsiasi battaglia. Flores ha entrato nella città lasciando qualche cibo raccolto dal campo, i campi degli indiani Aymara, coloro che già coltivato carota, pisello, fagiolo, grano, erba buona e sono stati i proprietari di un gran numero di pecore e aveva anche colture estensive di mais e patate, questi elaborati il chuño ed esperti facevano chalona. Gli spagnoli che hanno ricevuto questo dono, hanno riempito i loro stomaci stanchi preparando quello che potrebbe essere più facilmente fatto in modo comune per tutti, tritare tutto e portarlo ad ebollizione.

La fame era tale che questi alimenti sono stati serviti anche altri modi semplici e comuni pot, tale è il caso dell'attuazione, anche, Piatto della Paz.

Per ragioni sconosciute, Ignacio Flores è stava lasciando 80 uomini sotto il comando di Sebastián de Segurola (Quel personaggio cui immagine fatta Aymaras della figura Ekeko), soldati che avevano da mangiare in un modo non molto sofisticato ma forte. Questa zuppa potente un piccolo "vasetto", un piccolo "succhiare", un piccolo "uchu", Fu trasformato in "la zuppa", in "chairo".

CIRO BAYO, nella sua opera "Chuquisaca o La Perulera Silver" , Ha il vostro soggiorno di cinque anni a Sucre alla fine del XIX secolo (1890) e parlare di alcune cose importanti: Racconta come sono stati il picanterías, nuda realtà della società ipocrita, l'amore con il cholas e la chicha visite dove vendono cibo piccante, "Ll'uchus", effettuata principalmente sulla base di carne e patate, parla di "stufati" e il "chairo", Questo essere il primo riferimento storico di questa parola in latino-americano culinaria utilizzare. Probabilmente, il "picanterías" e silenziose cucine nazionali indigene erano laboratori dove si chiamava super zuppa CHAIRO, e qualcos'altro, da questo riferimento,Possiamo dedurre che il picanterías a Sucre stavano preparando questa zuppa,rispettando il suo nome di CHAIRO PACEÑO; Ciò che ci dà l'idea di questo stufato già guadagnato forza e marca nella seconda metà del XIX secolo.

In 1917, poco dopo la guerra civile (1898-1899) tra La Paz e Sucre, Doña Sofia Urquidi, scrivere un libro di ricette che menziona che il CHAIRO segue:
……….."Impregna solitamente chuño prieto", Dopo pulire martaja bene, viene messo in acqua e lavare più volte; quindi viene insaporito con carne o salumi deshilada, AJI giallo, peperoncini verdi intere, foglie di cipolla, erba buona, ecc. È necessario disporre di abbastanza brodo."
Così già è facile da contare che questo succulento piatto ha già una presenza seria nella città della Paz ( probabilmente il picanterías sintió diffonderla più difficile), Although che segue il processo di miglioramento culinaria.

Dopo la guerra del Chaco (1931 – 1936), compaiono ricette diverse pubblicazioni di cucina mostrandoci le abitudini alimentari, non di una società ad alta come è successo in precedenti pubblicazioni, ma piuttosto di una nascente borghesia democratica e impoverita in loro gusti culinari, condivisione con i poveri persone (minatori, contadini, artigiani) i preparativi di routine quotidiani. La guerra del Chaco, Ha lasciato un segno profondo nel villaggio e sono i tempi che sta fermentando una rivoluzione di proporzioni grands (1952).

Luis Téllez Herrero (1946), Aida Aguirre Gainsborg Mendez ( 1945), Antonio Paredes Candia (1990), tutto in loro propri stili e raccogliendo le migliori ricette di stagione, Essi mostrano anche la presenza del CHAIRO PACEÑO, con alcune variabili nei suoi ingredienti e soprattutto nella sua presentazione finale, ma la base di sapore è rafforzata con l'aroma di "chalona", i nodi di agnello, il papà RIP, Carota RIP, il huacataya, l'erba buona, origano, piselli, fagiolo, Patasca, il soprannome di grano, chuño martajado, il peperoncino verde, peperoncino rosso di Colorado , prezzemolo , il formaggio e il chicharrón, che si basano sull'uso gratuito allegati per sapore con più forza il mandrino.

È una ciotola di zuppa mescolata con europea più ingredienti ma con il condimento di Aymara, il tempo che solo uno chef boliviano e Pannullo soprattutto, Si può dare, per il vostro palato a questo condimenti forte combinazione essere utilizzato in quanto è l'eredità che ci ha lasciato nel nostro tradizionale medievale tecniche culinarie che ha portati gli spagnoli.

Oggi su internet si può vedere che la facilità di alcuni fratelli peruviani delle province meridionali (Ayacucho, Puno ecc.) vengono assegnati per se questo Andina misto ricetta, Ciò è principalmente dovuto l'influenza che la città della Paz in queste aree geografiche così vicino, così culturalmente lo stesso. Popolato da Aymaras che appartengono alla stessa razza e nazione di Aymara boliviana, Cileno o argentino. Sicuro che culturalmente, ognuno ha lo stesso sapore e le stesse preferenze ed è naturale che essi condividono lo stesso, solo che è meglio essere chiaro che questa zuppa ha origine nella geografia del capitale di Aymara - La Paz città cultura - ed è il prodotto di un raffinato processo di fusione culturale con gli spagnoli che consolidare questa città ed i loro bambini che vivono lì, Chi ha deciso di mettere il ' iconico agnello "in cappotto delle armi della città e come una bandiera del tuo ingrediente più importante di zuppa.

Il resto è facile supporre, con la stessa facilità con cui venduto gas boliviano a Puno, ricette di attraversano le frontiere, condotto principalmente dalla mano dei loro consumatori che sono della stessa razza e cultura. Concludiamo che spiegando circa fino a 1780; Pugno è imploso in provincia della Paz ed è diventato parte del pubblico di Cuzco. Fu in questo periodo che divenne stagni per l'amministrazione del vicereame della Plata, vale a dire che in modo sicuro, la ricetta di mestizo "pentola", che è stato prodotto in Potosí, Egli cita il libro di Doña Josefa Escurruchea,È stato anche preparato a Puno, aderendo a quel tempo, nel territorio di Charcas. È naturale che ora mangiano CHAIRO PACEÑO a Puno, così come i "papas alla huancaina" mangiamo senza problemi in Bolivia.

Antonio Paredes Candia, nel suo libro, "Gastronomia nazionale e letteratura", Esso menziona una poesia scritta dal poeta Jorge Mancilla Torres:
"Io credo in preda di chuño
In un brodo di chalona
E dolce manzo,
AJI giallo
Piselli, il grano
Carota, patascka leno
(il gusto fa sforzo),
Patate a dadini al thread
E prezzemolo sul bordo,
Frugale della paceño chairo

CHE COSA ABBIAMO BISOGNO DI SAPERE DEL CHAIRO
Da: Guillermo Iraola Mendizábal
Pace, 10 Giugno della 2008

[titolo del tabby =”+Piatti tipici”]
[do_widget id = arpw-widget-7]

[titolo del tabby =”Aziende di turismo”]
[do_widget id = arpw-widget-20]


Vuoi pubblicizzare i tuoi servizi turistici titolo gratuito?

Agenzia turistica

Agenzia di viaggi

Servizio radio taxi

Hotel

Guide turistiche

Trasporto interdipartimentale – rurale

altri…

[tabbyending]